Rischi e opportunità relativi alla sostenibilità

Ansaldo STS realizza l’Enterprise Risk Management identificando e valutando i principali rischi d’impresa mediante una strutturata attività di Risk Assessment opportunamente condivisa con il senior management e con l’Amministratore Delegato. Il Risk Assessment dei processi comprende, non solo l’identificazione e la valutazione dei rischi, ma anche delle misure di gestione degli stessi, inclusa la predisposizione di opportuni piani di azioni la cui attuazione è oggetto di monitoraggio trimestrale.

Ansaldo STS ha effettato uno specifico approfondimento riguardante i rischi e le opportunità legate ai temi rilevanti per la sostenibilità, che ha messo in grado l’azienda di agire preventivamente e in modo efficace per preservare anche il valore sociale e ambientale legato alla propria attività.

La valenza del rischio è definita con la scala - Bassa, Media e Alta - e rappresenta la valutazione degli eventuali rischi prima che vengano gestiti: più è alta la valenza, più è alta l’attenzione posta dell’azienda a una loro riduzione e trasformazione in opportunità di crescita.

Aspetti economici e di governance

ASPETTI ECONOMICI E DI GOVERNANCE
TRASPARENZA
E LOTTA ALLA
CORRUZIONE
DESCRIZIONE DEL RISCHIO
  • Commissione di atti illeciti e in particolare atti di corruzione da parte di esponenti aziendali, anche in concorso con consulenti e promotori commerciali, in mercati caratterizzati da scarsa trasparenza e da un elevato livello di corruzione
Valenza
ALTA
GESTIONE DEL RISCHIO
  • Considerazione del rischio di mancanza di trasparenza e di corruzione nella valutazione del rischio paese per la decisione dei mercati sui quali svolgere attività commerciali
  • Misure organizzative e procedurali mirate a prevenire i rischi di commissione di illeciti e in particolare il rischio di corruzione
Stakeholder coinvolti
  • Clienti
  • Fornitori
  • Partner
  • Competitors
OPPORTUNITÀ
  • Promozione della reputazione etica, sia verso l’organizzazione aziendale sia verso l’esterno, attraverso l’impegno al rispetto dei principi etici e degli esistenti presidi organizzativi e procedurali
INNOVAZIONE DI PRODOTTO / PROCESSO DESCRIZIONE DEL RISCHIO
  • Errata valutazione delle esigenze di innovazione che caratterizzano il settore
  • Inadeguata o non tempestiva gestione dell’obsolescenza di prodotti e componenti
Valenza
ALTA
GESTIONE DEL RISCHIO
  • Processi aziendali di definizione del portafoglio prodotti e di verifica di competitività tecnologica
  • Specifici processi che consentono una gestione efficace dell’obsolescenza
Stakeholder coinvolti
  • Clienti
  • Risorse Umane
OPPORTUNITÀ
  • Maggiore competitività derivante dalla appropriata valutazione delle esigenze di innovazione e dalla corretta definizione delle priorità
  • Benefici attesi su costi di Maintenance e gestione efficiente dei pezzi di ricambio
CUSTOMER SATISFACTION DESCRIZIONE DEL RISCHIO
  • Gestione inadeguata della Customer Satisfaction e dei reclami dei clienti. Una tardiva e/o inadeguata risposta ai ritorni dal cliente e ai livelli di soddisfazione attesi potrebbe compromettere le relazioni di Ansaldo STS con i clienti e peggiorarne l’interfaccia per i progetti in corso
Valenza
ALTA
GESTIONE DEL RISCHIO
  • Definizione di un team interfunzionale di Customer Satisfaction
  • Monitoraggio e rapporto mensile al top management dei 22 progetti più critici dal punto di vista della Customer Satisfaction
  • Interviste frontali di Customer Satisfaction ai principali clienti, precedute da una lettera di presentazione dell’Amministratore Delegato
  • Auto-valutazione semestrale della Customer Satisfaction da parte dei 55 principali team di progetto
  • Analisi "dopo la Messa in Servizio" dei ritorni dal cliente per migliorare l’affidabilità dei prodotti
  • Rapporto globale delle attività di Customer Satisfaction per il Top Management
Stakeholder coinvolti
  • Clienti
  • Risorse Umane
OPPORTUNITÀ
  • Miglioramento dei rapporti con i clienti
  • Miglioramento dei prodotti
  • Miglioramento dell’interfaccia con il cliente per i progetti in corso
  • Maggiore capacità di sfruttare le opportunità commerciali
CAMBIAMENTO DEL CONTESTO MACROECONOMICO E DI MERCATO DESCRIZIONE DEL RISCHIO
  • L’incertezza del contesto macroeconomico e finanziario, l’instabilità politica in alcune aree geografiche, i programmi di riduzione dei deficit pubblici, il calo del prezzo delle materie prime, il consolidamento del mercato potrebbero avere effetti negativi sulla competitività e sulla performance, nonché sulla contrazione dei margini dei nuovi ordini
  • Condizioni contrattuali sempre più complesse (Project Financing) o meno favorevoli/ onerose potrebbero comportare una minore performance economico-fi e la contrazione dei margini dei nuovi ordini
  • Programmi di ottimizzazione intrapresi potrebbero non essere attuati come pianifi o avere risultati inferiori alle attese o in un tempo maggiore di quello previsto
Valenza
ALTA
GESTIONE DEL RISCHIO
  • Analisi di mercato e di prodotto ed eventuale tempestivo adeguamento della strategia
  • NWC (Net Working Capital) e FOCF (Free Operating Cash Flow) monitorato per singolo progetto
  • Monitoraggio continuo e strutturato dello stato di attuazione delle azioni di implementazione dei programmi di efficientamento

Stakeholder coinvolti

  • Clienti 
  • Fornitori 
  • Partner 
  • Competitors
OPPORTUNITÀ
  • Mercato globale che presenta significative opportunità nei Paesi emergenti e a più alto tasso di sviluppo
  • Ottimizzazione della struttura operativa con effetti positivi sulla competitività e sulla performance
   RISCHIO PAESE DESCRIZIONE DEL RISCHIO
  • La politica di penetrazione in nuovi mercati a più elevato tasso di sviluppo espone a rischi di instabilità politica, sociale ed economica, di una non corretta valutazione della normativa locale (d’impresa, fiscale, tecnica), di protezione della proprietà intellettuale, di fluttuazione dei tassi di cambio nonché di affidabilità creditizia delle controparti con un impatto negativo sulla situazione economica, patrimoniale e finanziaria

Valenza
MEDIA

GESTIONE DEL RISCHIO
  • Il rischio Paese è valutato nel processo di selezione delle offerte e gare alle quali partecipare
  • Gestione del contratto
  • Diversificazione dei mercati e monitoraggio del rischio paese

Stakeholder coinvolti

  • Clienti 
  • Fornitori 
  • Partner 
  • Competitors
OPPORTUNITÀ
  • Aumento della quota di mercato
DIPENDENZA DA COMMITTENZA PUBBLICA E DA CONTRATTI PLURIENNALI COMPLESSI DESCRIZIONE DEL RISCHIO
  • Ritardi, modifiche, revisioni o cancellazioni di uno o più dei contratti rilevanti pluriennali acquisiti
  • Valutazione dei contratti pluriennali, basata sul metodo della percentuale di completamento, presuppone il ricorso a stime che potrebbero essere disattese
Valenza
MEDIA
GESTIONE DEL RISCHIO
  • Processi strutturati di review periodica dei preventivi di commessa e dei programmi
  • Adozione di processi di risk management, sia in fase di offerta sia in fase di esecuzione del progetto e di Life cycle management basati sulla comparazione costante tra avanzamento fisico ed avanzamento contabile

Stakeholder coinvolti

  • Clienti 
  • Fornitori 
  • Partner 
  • Competitors
OPPORTUNITÀ
  • Sottoscrizione di varianti contrattuali
PARTI TERZE
(SUBAPPALTATORI,
SUBFORNITORI, PARTNERS)
DESCRIZIONE DEL RISCHIO
  • Inadempimento delle obbligazioni contrattuali da parte dei subappaltatori o dei subfornitori potrebbe compromettere i rapporti con il cliente e, salvo possibili risarcimenti mediante azioni di rivalsa verso subappaltatori e subfornitori, la situazione economica, patrimoniale e finanziaria
  • La valutazione e la selezione dei partners, subappaltatori e subfornitori, in particolare in nuovi mercati, potrebbe risultare inadeguata con impatti negativi sulla competitività e sulla performance
Valenza
MEDIA
GESTIONE DEL RISCHIO
  • Diritto di rivalsa nei confronti dell’impresa associata inadempiente
  • Processi di risk management, e la richiesta, ove applicabile, di apposite garanzie e condizioni back to back
  • Processi di selezione e qualifica di subappaltatori e subfornitori
  • Collaborazione con partners già noti e di provata affidabilità
  • Definizione, sottoscrizione e gestione di adeguate clausole contrattuali e di raggruppamento

Stakeholder coinvolti

  • Clienti 
  • Fornitori 
  • Partner 
OPPORTUNITÀ
  • Accordi con partners in nuovi mercati in grado di creare opportunità di business
  • Framework agreement e accordi commerciali con nuovi fornitori, in particolare a livello globale, in grado di aumentare la competitività e la performance
EFFICIENZA DELLE ATTIVITÀ
E ADEGUATEZZA DELLE
REFERENZE TECNICHE
DESCRIZIONE DEL RISCHIO
  • Le attività di sviluppo e di ingegneria potrebbero essere eseguite senza una chiara comprensione dei requisiti, delle specifiche e senza una efficace gestione della configurazione
  • Referenze inadeguate di mercato e di prodotto con il rischio di perdere opportunità commerciali e di incorrere in non conformità nell’esecuzione del progetto 
Valenza
MEDIA
GESTIONE DEL RISCHIO
  • Processi di gestione dei requisiti e della configurazione per assicurare la qualità, i tempi e i livelli di efficienza attesi nella gestione dei progetti e degli sviluppi
  • Referenze inadeguate di mercato e di prodotto con il rischio di perdere opportunità commerciali e di incorrere in non conformità nell’esecuzione del progetto
  • Specifiche iniziative sono in corso per monitorare l’adeguata implementazione dei processi aziendali sui progetti
  • Processi volti ad assicurare in fase di offerta una adeguata interazione tra l’ingegneria, che esprime i bisogni del cliente, la funzione portafoglio, che valuta le esigenze tecniche del mercato, e la funzione di sviluppo
  • Definizione e monitoraggio della roadmap di sviluppo dei prodotti

Stakeholder coinvolti

  • Clienti 
  • Fornitori 
  • Partner 
OPPORTUNITÀ
  • Opportunità di aumentare la qualità e ridurre i costi con una migliore gestione dei requisiti e della configurazione
RESPONSABILITÀ VERSO CLIENTI O TERZI PER NON CONFORMITÀ DEI PRODOTTI VENDUTI DESCRIZIONE DEL RISCHIO
  • Ritardata o mancata fornitura dei prodotti o dei servizi oggetto del contratto per l’eventuale non rispondenza degli stessi alle richieste del committente
Valenza
MEDIA
GESTIONE DEL RISCHIO
  • Coperture assicurative
  • Attento presidio dei processi di ingegneria, di validazione e di monitoraggio dei ritorni dall’esercizio
  • Considerazione dei rischi di non conformità nel preventivo di commessa

Stakeholder coinvolti

  • Clienti 
  • Fornitori 
  • Partner 
OPPORTUNITÀ
  • Miglioramento dei parametri di affidabilità dei prodotti
  • Riduzione dei costi assicurativi
PROCESSI DI BUDGET E PIANIFICAZIONE
DEI PROGETTI
DESCRIZIONE DEL RISCHIO
  • Mancato rispetto di tempi e costi, in particolare in progetti complessi, a causa di processi di pianificazione e controllo non pienamente efficaci e carenze nella gestione tecnica del progetto
Valenza
MEDIA
GESTIONE DEL RISCHIO
  • Processi definiti e monitorati di controllo dell’avanzamento fisico e contabile e di risk management
  • Chiara assegnazione di responsabilità al team di progetto
  • Processi di review manageriali della performance del progetto
  • Review delle stime in fase di offerta e review indipendente dalla funzione di risk management

Stakeholder coinvolti

  • Clienti 
OPPORTUNITÀ
  • Efficientamento dei programmi e incremento della marginalità
CAPACITÀ DI FINANZIARE UN ELEVATO LIVELLO DI ATTIVITÀ CORRENTI E DI OTTENERE DESCRIZIONE DEL RISCHIO
  • Difficoltà a negoziare adeguate condizioni finanziarie in nuovi contratti, ritardi e/o interruzioni nei pagamenti e peggioramento dei termini di pagamento già concordati
  • Riduzione della capacità di ottenere garanzie in condizioni di economicità
Valenza
BASSA
GESTIONE DEL RISCHIO
  • Politiche commerciali e di gestione della commessa attente agli aspetti finanziari
  • Gestione centralizzata della tesoreria che consente di ottimizzare i flussi finanziari
  • Solidità economico-patrimoniale e finanziaria e monitoraggio degli indici valutativi della commessa fin dal processo di offerta
  • Costante monitoraggio del capitale circolante

Stakeholder coinvolti

  • Clienti 
  • Fornitori 
  • Partner 
OPPORTUNITÀ
  • Riduzione degli oneri finanziari
  • Miglioramento dei termini di pagamento
  • Ampliamento del mercato
  • Nuove linee di credito
GESTIONE DEI SISTEMI INFORMATIVI DESCRIZIONE DEL RISCHIO
  • Soluzioni informatiche non rispondenti alle esigenze del business o alla strategia o aggiornamenti di tali soluzioni non in linea con le esigenze degli utilizzatori. Eventuale indisponibilità o interruzione dei servizi IT
  • Eventuale violazione della integrità delle reti e dei dati (compresi quelli sensibili o coperti da proprietà intellettuale), anche a seguito di attacchi esterni
Valenza
MEDIA
GESTIONE DEL RISCHIO
  • Politiche IT definite in correlazione con le iniziative di cambiamento organizzativo e di processo
  • Sistema di Governance ispirato alle migliori best practices che segue processi strutturati e monitorati di gestione della infrastruttura e degli applicativi, compresi gli aspetti di cyber-security

Stakeholder coinvolti

  • Clienti 
  • Fornitori
OPPORTUNITÀ
  • Incremento flussi di comunicazione

Aspetti sociali

ASPETTI SOCIALI  
SALUTE E SICUREZZA DEI LAVORATORI DESCRIZIONE DEL RISCHIO
  • Esigenza di definire ed applicare un modello di gestione della sicurezza in relazione a normative vigenti locali
  • Aumento degli incidenti ed infortuni
  • Esigenza di definire e garantire delle risorse specializzate alla gestione degli aspetti legati alla salute e sicurezza
Valenza
ALTA
GESTIONE DEL RISCHIO
  • Sistemi di gestione certificati - ai sensi della norma OHSAS 18001 - per la sicurezza sul lavoro
  • Definizione di sistemi per il controllo ed il monitoraggio durante le attività lavorative in relazione alle normative locali
  • Scelta di risorse dedicate per ogni progetto
Stakeholder coinvolti
  • Risorse Umane
  • Fornitori
  • Partner
  • Comunità locali
OPPORTUNITÀ
  • Maggior controllo delle attività e minor rischio di incidenti e infortuni
  • Miglioramento della reputazione
FORMAZIONE E SVILUPPO DELLE RISORSE UMANE DESCRIZIONE DEL RISCHIO
  • L’alto contenuto tecnologico, la complessità dei progetti ed il contesto di mercato globale rendono necessario l’impiego di risorse umane con preparazione specifica spesso difficilmente acquisibili sul mercato
Valenza
ALTA
GESTIONE DEL RISCHIO
  • Politiche di gestione delle risorse umane in stretta correlazione con le esigenze del business
  • Sistema integrato di gestione e sviluppo delle risorse umane nell’ambito del quale sono svolte verifiche periodiche delle competenze e delle performance ed assunte le conseguenti iniziative per lo sviluppo delle competenze e la migliore allocazione delle risorse
  • Processi ed iniziative per individuare i migliori talenti (profili manageriali e tecnici) e definire i relativi piani di sviluppo.
Stakeholder coinvolti
  • Risorse Umane
OPPORTUNITÀ
  • Valorizzazione delle risorse per effetto dell’efficace applicazione delle politiche e dei processi HR, con un impatto positivo sulle performance dell’azienda
CONTROLLO ETICO DELLA SUPPLY CHAIN DESCRIZIONE DEL RISCHIO
  • Incremento di comportamenti fraudolenti anche in considerazione dell’attuale scenario economico
  • Sottovalutazione dell’attenzione dei nostri Clienti alle pratiche di acquisti sostenibili e perdita di competitività non rispondendo ai requisiti minimi standard attesi dal mercato
  • Rischi reputazionali e disgregazioni nella catena di approvvigionamento con evidente impatto negativo sul funzionamento complessivo della società e le sue performance finanziarie
Valenza
MEDIA
GESTIONE DEL RISCHIO
  • Sottoscrizione da parte dei fornitori del Codice Etico di Ansaldo STS per accettazione come condicio sine qua non per la stipula di contratti e appalti
  • Revisione delle “Condizioni generali di contratto” al fine di assicurare la compliance di Ansaldo STS e dei suoi fornitori alle norme sugli appalti e le forniture pubbliche
  • Approccio sistemico alla sostenibilità competitiva per garantire la soddisfazione dei Clienti
  • Monitoraggio e valutazione del livello di sostenibilità lungo tutta la catena di approvvigionamento privilegiando i fornitori best in class in materia di sostenibilità
  • Integrazione delle condizioni generali di fornitura e appalti con clausole sanzionatorie
  • Governance della Supply Chain che tiene conto degli impatti economici, ambientali e sociali attraverso l’intera catena del valore nel medio e lungo periodo
Stakeholder coinvolti
  • Fornitori
  • Comunità locali
  • Clienti
OPPORTUNITÀ
  • Maggiore trasparenza nei rapporti commerciali
  • Promozione della cultura del business “Sostenibile” verso i fornitori più critici alzando i propri standard di CSR
  • Garantire attraverso la gestione responsabile della catena di approvvigionamento anche la sostenibilità delle piccole e medie realtà economiche
  • Riduzione dei costi indiretti e diretti attraverso l’introduzione di pratiche sostenibili nella catena di approvvigionamento
TUTELA DEI RAPPORTI CON LE COMUNITÀ LOCALI DESCRIZIONE DEL RISCHIO
  • Requisiti di capitolato che prevedono una certa quota di forniture e manodopera locale in paesi emergenti dove le necessarie competenze non sono ancora sviluppate o consolidati
  • Rischi di causare impatti economici, sociali e ambientali negativi sulle comunità locali
Valenza
MEDIA
GESTIONE DEL RISCHIO
  • Coinvolgimento di fornitori locali che opportunamente seguiti possono maturare le necessarie competenze
  • Coinvolgimento di fornitori internazionali dalla comprovata esperienza che si impegnano a far crescere realtà locali
  • Valutazioni di impatto ambientale e attività di monitoraggio
  • Partecipazione in comitati che rappresentano stakeholder del territorio
  • Supporto alle attività di comunicazione delle autorità locali nei confronti della cittadinanza
  • Partecipazione a programmi di sviluppo delle comunità locali
Stakeholder coinvolti
  • Clienti
  • Comunità locali
  • Fornitori
  • Partner
OPPORTUNITÀ
  • Aumento della competitività sull’area specifica
  • Sviluppo di nuovi fornitori competitivi che potranno anche essere utilizzati in altre aree a beneficio della competitività
  • Aumento della reputazione
  • Aumento della competitività legata allo sviluppo delle capacità di gestione delle relazioni con le comunità locali
CONTROVERSIE LEGALI DESCRIZIONE DEL RISCHIO
  • La complessità delle relazioni con parti terze in particolare nei progetti internazionali e del contenuto dei sistemi e prodotti realizzati, nonché i rischi specifici della attività di impresa espongono ad un significativo rischio di contenzioso legale. La definizione delle controversie potrebbe risultare complessa e completarsi nel lungo periodo, causando ritardi nella realizzazione dei progetti con effetti negativi sull’attività e sulla situazione economica, patrimoniale e finanziaria.
Valenza
MEDIA
GESTIONE DEL RISCHIO
  • Monitoraggio del contenzioso e attenta verifica delle clausole contrattuali con il supporto della funzione legale
  • Adozione di un approccio prudenziale nell’iscrizione di apposite poste tra i costi di commessa e di fondi rischi
Stakeholder coinvolti
  • Clienti
  • Fornitori
  • Partner
OPPORTUNITÀ
  • Riduzione del contenzioso 
  • Riduzione di potenziali ritardi nella realizzazione dei progetti

Aspetti ambientali

ASPETTI AMBIENTALI
ADEMPIMENTI
IN MATERIA AMBIENTALE
DESCRIZIONE DEL RISCHIO
  • Inosservanza di normative di riferimento a causa di processi operativi non adeguatamente presidiati, in particolare in paesi che seguono standard non elevati ovvero esposti a rischi specifici
  • Inadeguata valutazione degli adempimenti richiesti e delle misure di protezione ambientale  necessarie
Valenza
ALTA
GESTIONE DEL RISCHIO
  • Sistemi di gestione certificati - ai sensi della norma ISO14001 per l’ambiente – nelle principali Società del Gruppo Ansaldo STS
  • Adempimenti richiesti in nuovi mercati valutati già in fase di offerta e supporto garantito anche mediante il ricorso a consulenti esterni
  • Policy e procedure comuni, per garantire comportamenti omogenei nelle varie realtà tenendo conto delle specifiche normative locali
Stakeholder coinvolti
  • Risorse Umane
  • Clienti
  • Fornitori
  • Partner
  • Comunità locali
OPPORTUNITÀ
  • Compliance e miglioramenti degli impatti ambientali
IMPATTO AMBIENTALE DEI PRODOTTI DESCRIZIONE DEL RISCHIO
  • L’impatto ambientale in relazione ai processi produttivi, alla composizione dei prodotti, ai consumi energetici ed alla riduzione o eliminazione delle sostanze nocive
Valenza
ALTA
GESTIONE DEL RISCHIO
  • Attività di ricerca e sviluppo dedicata
  • Collaborazione con i fornitori per sviluppare componenti che rispettino elevati standard di robustezza, sicurezza e impatto ambientale

Stakeholder coinvolti

  • Clienti
  • Fornitori
  • Partner
  • Comunità locali
OPPORTUNITÀ
  • Aumento della capacità di competere con prodotti e soluzioni che soddisfano meglio le nuove richieste del mercato
  • Miglioramento del ritorno economico
EMISSIONI DI GAS SERRA DIRETTE E INDIRETTE DESCRIZIONE DEL RISCHIO
  • Possibilità di effetti negativi sulle attività da svolgere influenzate dalle variazioni climatiche
  • Rischi connessi a modifiche di norme e standard che potrebbero causare l’obsolescenza di parte del patrimonio
  • Poca sensibilizzazione e coinvolgimento delle risorse a questi aspetti
Valenza
MEDIA
GESTIONE DEL RISCHIO
  • Analisi e valutazione del rischio e vulnerabilità ai cambiamenti climatici a livello internazionale
  • Definizione di un piano di azione a garanzia che le misure di adattamento siano: adottate tempestivamente, efficaci e coerenti nel tempo
Stakeholder coinvolti
  • Risorse Umane
  • Generazioni future
  • Fornitori
  • Comunità locali
OPPORTUNITÀ
  • Maggiore capacità nella gestione dei cambiamenti climatici
  • Aumento della capacità di competere: sviluppo di nuovi prodotti e processi con ridotte emissioni di GHG
  • Migliore reputazione derivante dalla capacità dell’azienda di rispondere in modo efficace a preoccupazioni diffuse nell’opinione pubblica
CONSUMI ENERGETICI DESCRIZIONE DEL RISCHIO
  • Crescita dei costi legati ai consumi energetici
  • Minore capacità di competere
Valenza
MEDIA
GESTIONE DEL RISCHIO
  • Investimenti per ridurre i consumi verificando la redditività potenziale
  • Adozione di progetti mirati alla riduzione dei consumi energetici degli stabilimenti e all’uso di energia proveniente da fonti rinnovabili
Stakeholder coinvolti
  • Risorse Umane
  • Generazioni future
  • Fornitori
  • Comunità locali
OPPORTUNITÀ
  • Realizzazione di risparmi sostenibili aumentando la competitività
  • Miglioramento del ritorno economico
GESTIONE RIFIUTI E ACQUE REFLUE DESCRIZIONE DEL RISCHIO
  • Mancato rispetto della normativa da parte dell’azienda e dei fornitori sui progetti/attività
  • Modifiche della normativa con rischi sanzionatori
Valenza
MEDIA
GESTIONE DEL RISCHIO
  • Sistema di monitoraggio dell’evoluzione delle normative a livello mondiale
  • Adozione di progetti mirati alla riduzione della produzione di rifiuti degli stabilimenti e alla gestione delle acque reflue
Stakeholder coinvolti
  • Risorse Umane
  • Fonitori
  • Generazioni future
  • Comunità locali
OPPORTUNITÀ
  • Miglioramento del ritorno economico
  • Migliore reputazione